04 Ottobre 2022
Un po' di storia


L'Associazione Polisportiva Palocco, che ha aggiunto in base alla legge 128/2004 l'aggettivo "dilettantistica" alla sua ragione sociale, si è costituita nel 1968 tra i residenti di Casalpalocco allo scopo di consentire attività sportive, formative e ricreative con particolare riguardo verso il mondo giovanile. Dal 1971 ha ottenuto in concessione dal Comune di Roma un'area di 36.216 mq di nudo terreno per la costruzione di impianti sportivi. Detto terreno era stato gratuitamente ceduto al Comune dalla Società Generale Immobiliare in virtù della Convenzione del 2.11.1960, con destinazione a centro sportivo pubblico. La Giunta comunale di Roma, con delibera n.4906 del 4 agosto 1971 autorizzava la suddetta concessione con l'obbligo da parte della A.P.Palocco di provvedere a proprie cure e spese alla costruzione degli impianti per le diverse discipline sportive. In considerazione delle spese che l'Associazione avrebbe sopportato per la realizzazione di tali impianti fu stabilito un canone simbolico di 24.000 lire annue. Tale concessione fu rinnovata in forma di Convenzione con delibera n.455 del 10 aprile 1979 con scadenza nel 1988 e rinnovo ulteriore di anno in anno per nove anni in regime di prorogatio, scaduto quindi nel 1998.

In forza della Convenzione del 1979 si è proseguito nella realizzazione, richiesta esplicitamente, di dieci campi scoperti e due coperti di tennis, un campo coperto di basket-pallavolo, una piscina, un campo di calcio con tribuna, una palazzina con le palestre e l'ufficio di segreteria, la Sede Sociale con annessi per bar-ristorante, il tutto in virtù di regolari concessioni edilizie e integralmente pagato dai soci, senza alcun contributo di terzi, pubblici o privati, e con il versamento delle relative tasse (legge Bucalossi). Le concessioni edilizie richieste ed ottenute sono tutte in linea con le esigenze sportive e nessuna modifica hanno apportato al piano urbanistico della zona. Tutto il terreno è recintato e quanto non destinato ad impianti sportivi è mantenuto a verde.
Sempre in forza della citata Convenzione, inoltre, tutto quanto realizzato, del valore di diversi miliardi, al termine della Convenzione è divenuto di proprietà del Comune di Roma.

Il rinnovo della Concessione
In data 28 giugno 1991 il Comune di Roma, senza addurre alcuna motivazione, comunicava la disdetta della Convenzione. La richiesta di rinnovo, formulata il 14 marzo 1992, non riceveva alcun riscontro. Il 23 novembre 1995 l'Associazione riceveva inopinatamente una comunicazione da parte della Commissione Stime per il Patrimonio nella quale si informava che, ai fini del rinnovo della Concessione, riteneva congruo, per il 1995, il canone annuo di Lit. 278.956.604 per l'area di proprietà comunale sita in Roma - via di Casalpalocco stabilendo nel contempo indennità di occupazioni pregresse per gli anni 1992, 1993 e 1994. L'Associazione reagiva dichiarando inaccettabili le somme indicate ricordando da un lato la sua natura sociale e non privatistica, dall'atro di non essere comunque in grado di sostenere un onere così gravoso.

Dal 1995 la Polisportiva, considerata dal Comune di Roma “occupante senza titolo”, ha continuato ad operare con lo spirito di sempre, assicurando ai residenti i continui servizi sportivi e sociali, operandosi per concordare con il Comune un rinnovo della concessione per un congruo periodo di anni che garantisca un sostenibile rientro dal debito accumulato.

Finalmente nella primavera del 2009 il Comune di Roma indicava di poter ridurre al massimo al 65% il debito pregresso per un importo di 430 mila euro che, gravato da interessi, portava l'ammontare da corrispondere a circa 504 mila euro. Questa proposta veniva accettata dai soci della Polisportiva Palocco nel corso dell'Assemblea del 18 aprile. In tal modo si è potuta regolarizzare la posizione della Polisportiva avendo ottenuto una concessione per 18 anni a partire dal 2004. Il 5 maggio di quell’anno l'Ufficio Extradipartimentale "Politiche per la promozione e lo sviluppo dello Sport", inviava l'attesa comunicazione che si riteneva accettabile la proposta di transazione formulata dalla Polisportiva, proposta che è ora all'approvazione della Giunta Comunale.

Con deliberazione n.355 del 26.10.2011 la Giunta capitolina approvava la regolarizzazione dell’occupazione senza titolo dell’impianto sportivo sito in via di Casal Palocco n.127/129 affidandolo alla Associazione Polisportiva Dilettantistica Palocco per una durata pari ad anni 18 a decorrere dal 1° gennaio 2004. Il successivo 5 novembre 2012, in esecuzione della succitata deliberazione, è stato sottoposto il relativo disciplinare di concessione.

Negli anni seguenti sono stati realizzati importanti interventi di manutenzione straordinaria sui viali interni, sulla struttura e negli impianti della piscina e sulla sua pavimentazione esterna, sul terreno del campo di calcio, sull’illuminazione a led di tutti gli impianti.

Nel 2018, in considerazione dell’investimento, fatto nel 2014 per l'abbattimento di barriere architettoniche, dotando di un elevatore la palazzina della Sede sociale, è stato richiesto, secondo l’art.22 del nuovo regolamento applicato agli impianti sportivi capitolini, la rideterminazione della durata della concessione, per 13 anni a partire dall’anno dell’investimento, il 2014.

Alla data del 31 dicembre 2021, scadenza della concessione, la pratica non aveva ancora avuto esito, essendo all’esame dell’apposito ufficio del Dipartimento Sport e Politiche Giovanili del Comune di Roma. Tuttavia, i provvedimenti governativi relativi alla pandemia da Covid-19, hanno assicurato il prolungamento fino al 31 dicembre 2025 delle concessioni demaniali e comunali relative ad impianti sportivi per consentire di disporre del tempo necessario per recuperare l’equilibrio economico per la prosecuzione delle loro attività sportive e sociali senza scopo di lucro. Ciò vale dunque anche per la Polisportiva Palocco che ha sofferto chiusure e riduzioni di attività, in particolare negli anni 2020 e 2021 e che quindi ha vita assicurata almeno fino a quella data.


(ultimo aggiornamento 7/04/2022)

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie